28 e 29 aprile 2012

CAMPIONATO ITALIANO BERGAMO

 

Quello appena trascorso è stato un weekend caratterizzato da due giornate di gare molto positive per l'ASD Besnate; i rappresentanti del team varesino si sono presentati numerosi al cancello di partenza a Bergamo, dove si è svolta la prova unica del campionato italiano BMX.

La giornata di sabato si è chiusa in maniera esaltante, con la conquista di ben due medaglie tricolori; Alessio Budelli e Francesco Gioco hanno dominato la gara cruiser riservata alla categoria esordienti, piazzandosi sui due gradini più alti del podio, mentre Giuliano Scabola ha conquistato il titolo nella categoria Master 40*. Nella medesima categoria hanno rappresentato i colori sociali anche Pietro Iemmi, il quale ha avuto un incidente tecnico che gli ha precluso un piazzamento da podio (sicuramente alla sua portata), Brancaleoni Davide e Fabrizio Varetti.

Al termine della competizione riservata ai cruiser, si è svolta la prova a cronometro individuale, dove Alessio Budelli è salito sul gradino più basso del podio, con Francesco Gioco all'ottavo posto.

Dopo aver adeguatamente festeggiato i successi del sabato, la domenica mattina la gara è ripresa con la competizione riservata alle BMX; non sono arrivate altre medaglie tricolori ma il "solito" Budelli, dopo un avvio un pò incerto, è riuscito a classificarsi terzo in una gara tiratissima, con Gioco ancora Ottavo dopo aver superato entrambi una semifinale a dir poco proibitiva.

Il Campione Italiano Scabola si è ripetuto nella sua categoria, per la quale non è stata assegnata la maglia di Campione Italiano a causa dell'insufficiente numero dei partecipanti, inferiore al minimo stabilito dal regolamento.

Nelle categorie giovanili splendida vittoria per Brancaleoni Dennis, che ha dominato la gara G1 (7 anni); in finale anche Scabola Riccardo, sfortunatissimo perchè steso da un altro rider subito dopo il via della finale.

Andrea Pinna, che nelle scorse edizioni del campionato italiano si era sempre classificato al secondo posto assoluto, al termine di una gara caratterizzata da alti e bassi, quest'anno si è dovuto accontentare di un piazzamento sicuramente al di sotto delle sue reali potenzialità.

Marco Sarluca si è invece agevolmente qualificato per la finale della categoria G6.

Gli altri atleti delle categorie giovanili hannop quasi tutti superato lo scoglio delle batterie di qualificazione, mancando le finali di un soffio; tutta esperienza che tornerà utile nelle prossime competizioni.